Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /homepages/44/d732223760/htdocs/eccellentisapori/wp-content/themes/Divi/includes/builder/functions.php on line 5753
Agnello Pasquale di Favara - Eccellenti Sapori - La cultura del gusto

Con l’avvicinarsi delle feste di Pasqua ci piace parlare di un dolce che ha radici lontanissime e che unisce la tradizione con l’eccellenza dei prodotti, in questo caso siciliani.

Agnello pasquale di Favara

Immagine tratta da Wikipedia

Alcuni cenni storici tratti da Wikipedia.

Tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento si ha qualche traccia di dolci di pasta reale e pasta di pistacchio a Favara, tra cui la frutta martorana, di origine palermitana, e l’Agnello pasquale.

 

La tradizione narra che le prime a preparare questo dolce furono le suore del Collegio di Maria del quartiere “Batia” di Favara. La ricetta veniva tramandata oralmente, dalle suore più anziane a quelle più giovani. Una delle prime ricette dell’Agnello pasquale porta la data del 1898 ed è appartenuta ad un ricca famiglia della borghesia agraria e solfifera dell’Ottocento favarese.

Allora era un dolce poco diffuso e di produzione strettamente familiare, in quanto non poteva competere con i cannoli siciliani, ‘Cciardoni e tanti altri dolci tipici siciliani apprezzati da cento anni addietro dai favaresi. Ne fa alcuni accenni lacunosi il barone Antonio Mendola, illustre benefattore favarese.

 

L’Agnello Pasquale è costituito da:

  • pasta reale, ottenuta dalla lavorazione a caldo di mandorle tritate, acqua e zucchero;
  • pasta di pistacchio, che costituisce il ripieno, ottenuta dalla lavorazione a caldo di pistacchi tritati, acqua e zucchero.

 

Per aromatizzare si può usare scorza di limone grattugiata e profumo di vaniglia. La classica decorazione è la “velata”, cioè zucchero fondente che copre l’intero Agnello, tranne testa e collo.

 

Avete mai assaggiato questa Eccellenza della tradizione siciliana?

Pin It on Pinterest

Share This